DOLCETTI

Sorbetto al Bellini

Chi non conosce il Bellini? Personalmente è uno dei cocktail che adoro, se fatto come si deve! Ma quanti di voi conoscono le origini del suo nome?
Il Bellini è stato inventato nel 1948 da Giuseppe Cipriani, capo barista dell’Harry’s Bar di Venezia. Per via del suo colore rosato che ricordò a Cipriani il colore della toga di un santo in un dipinto di Giovanni Bellini, egli intitolò il cocktail al pittore veneziano. Il drink divenne una specialità stagionale dell’Harry’s Bar di Venezia, uno dei locali favoriti da Ernest Hemingway, Gianni Agnelli, Sinclair Lewis e Orson Welles.[5] Successivamente divenne molto popolare anche alla sede dell’Harry’s Bar di New York.  
Il successo del Bellini indusse Cipriani ad ulteriori contaminazioni tra pittura ed enogastronomia, con l’invenzione nel 1950 del Carpaccio, pietanza consistente in fettine sottilissime di controfiletto di manzo crudo disposte su un piatto e decorate alla Kandinsky, con una salsa che viene chiamata universale, così chiamato poiché a Cipriani il colore della carne cruda ricordava i colori intensi dei quadri del pittore Vittore Carpaccio, delle cui opere si teneva in quel periodo una mostra nel Palazzo Ducale di Venezia.

Capito? Io non ne sapevo nulla, ma adesso potrò fare la figa e raccontare in giro questa storiella mentre sorseggio il mio Bellini con gli amici:)
La ricetta di oggi è un sorbetto alle pesche con l’aggiunta di prosecco, che potete eliminare se preferite. E’ veloce da preparare e potete ottenere un ottimo risultato anche senza gelatiera.

INGREDIENTI:
– 200 gr pesche sbucciate e tagliate a cubetti
– 66 gr zucchero semolato
– 240 gr acqua
– 1 cucchiaio miele
– 1 cucc.ino succo limone
– 60 gr prosecco
PROCEDIMENTO:
1. In una pentola scaldare le pesche con l’acqua e lo zucchero. Portare ad ebollizione, poi abbassare la fiamma e lasciar cuocere per 15 minuti;
2. Rimuovere dal fuoco ed aggiungere il miele ed il succo di limone;
3. Lasciar raffreddare per una decina di minuti, poi frullare il tutto finchè non avremmo ottenuto una purea che andremo a riporre in frigo per 4 ore;
4. Aggiungete il prosecco. Se avete la gelatiera non vi resterà che versarvi all’interno la purea ed attendere che il sorbetto sia pronto, in caso contrario travasare il composto in un contenitore a riporre in freezer per 5 ore finchè non si sarà rassodato.

Newsletter

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply